pensaterosa

30 marzo 2010

Ma il voto ai grillini non è un voto di protesta

Filed under: Uncategorized — pensaterosa @ 19:26

Mi spiace per gli amici del centro, della sinistra e della destra ma, se la pensano così non hanno capito niente.

Certo, se l’Italia si allontanerà dall’Europa e dall’Euro, se entrerà in un’economia autarchica e diverrà una grande colonia dei Lumbard ladrun, la tesi verrà confermata. Ma gli Italiani non la pensano così e vogliono invece riprendere la strada del progresso, non solo economico, ma anche civile ed ecosostenibile e in questo quadro di riferimento i grillini sono i portabandiera di un nuovo modo di fare politica, perfettamente coerente con l’economia della conoscenza e, per questo motivo, in forte potenziale crescita.… Gli Italiani non la pensano così eccezion fatta per Bossi che ha lamentato di non poter fare, da arbitro della politica italiana quale si considera, il secondo ribaltone della sua storia per la scarsa avvedutezza della sinistra.

Ritengo opportuno a questo punto spiegare la mia affermazione.

A partire dall’inizio degli anni sessanta, portabandiera Machlup ed altri, è stato posto in evidenza il primato della produzione di conoscenza nella formazione del PIL. Accanto agli economisti, numerosi teorici dell’organizzazione tra cui il sottoscritto hanno sostenuto l’efficacia di nuovi modelli organizzativi variamente nominati. Tra le varie definizioni quelle di Autopoiesi,  Anarchie Organizzate ed Imprenditorialità Diffuse Autoorganizzantesi. Chi propose l’Autopoiesi fu insignito del premio Nobel.

Possiamo dire quello che ci pare ed andare contro la storia ma, così facendo, decadremo paurosamente e verremo travolti da economie e società emergenti, piene di voglia di fare e di dimostrare la propria originalità e forza civile.

A voi la scelta. Se fossi tra quelli che hanno votato lega comincerei a ripensarci. Esiste sempre una scelta possibile ed io seguirò con attenzione i grillini. Fino ad ora si sono dimostrati seri, capaci e partecipativi. Mi auguro che continuino e crescano di numero e di capacità propositive.

Annunci

Cibo spazzatura

Filed under: Uncategorized — pensaterosa @ 19:24
Tags: , ,

Riporto da claudio ferrrarini una notizia apparsa su Nature.

Parigi, 29 mar. – Hamburger, patatine fritte, merendine dolci, ossia il cibo-spazzatura, crea una dipendenza simile a quella da nicotina e droga. E’ quanto ha scoperto un’equipe di ricercatori Usa che ha rivelato su ‘Nature Neuroscience’ i meccanismi che danno vita al vincolo e a vere e proprie crisi di astinenza quando si cerca di smettere di mangiare i piatti piu’ saporiti ma meno salutari. Gli autori della ricerca, Paul Johnson e Paul Kenny, dell’Istituto Scripps a Jupiter in Florida, lo hanno dimostrato trasformando ratti di laboratorio in consumatori compulsivi di cibi-spazzatura. Hanno osservato cosi’ che, come nella dipendenza da fumo e droga, anche in quella dal cibo-spazzatura si indebolisce l’attivazione dei circuiti cerebrali della ricompensa, che in condizioni normali scattano immediatamente quando si vive un’esperienza piacevole. Alle cavie sono state date bacon, salsicce, dolci e cioccolato. Gli animali hanno così gradito il nuovo cibo che sono rapidamente ingrassati. In poco tempo e’ precipitata la loro sensibilita’ alla ricompensa, proprio come avviene in chi e’ dipendente da droghe. I ricercatori hanno anche appurato che nei ratti come nell’uomo, la dipendenza impedisce di interrompere l’assunzione di una sostanza anche quando e’ chiaro che questa e’ pericolosa per la salute. Hanno cosi’ associato il consumo dei cibi ipercalorici alla comparsa di un segnale luminoso e a un dolore ad una zampa: non appena si accendeva la luce i ratti normali rinunciavano volentieri allo stuzzichino pur di non provare dolore, mentre i ratti obesi e dipendenti continuavano a mangiare. –

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.