pensaterosa

28 febbraio 2011

INPS da urlo

@font-face { font-family: “Cambria”; }p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal { margin: 0cm 0cm 10pt; font-size: 12pt; font-family: “Times New Roman”; }div.Section1 { page: Section1; }

Lo sapevate che anche gli ultrasessantacinquenni in pensione debbono fare i versamenti INPS ove svolgano una qualsiasi, anche modesta, attività retribuita? ….. Non solo, più che versamenti sono balzelli: infatti se non vengono effettuati per cinque anni o più non danno luogo ad incrementi di pensione ma, se superano questo termine, e solo dietro richiesta del beneficiario, viene attribuito un incremento di pensione che a dir poco è ridicolo ( si deve tener conto della speranza di vita residua oltre che della premorienza rispetto al raggiungimento del diritto).

Io non lo sapevo e, dopo cinque anni dalla mia andata in pensione mi è pervenuta la richiesta di pagamento più che raddoppiata per la mora. Non solo: avendo chiesto la rateizzazione, mi è stata concessa ma, udite udite, i pagamenti debbono essere fatti mese per mese  con modulo di pagamento unificato (non posso cioè incaricare la mia banca di effettuare periodicamente il pagamento). Non solo, per compilare il modulo di pagamento unificato, si debbono riempire alcune caselle tra le quali una intestata “codice sede”. Nel modulo inviatomi dall’INPS l’acuta impiegata aveva scritto: codice della sede inps competente dalla quale dipende territorialmente il committente, ripetendo la voce per la quale doveva dare il codice……. Altra visita all’INPS per ottenere il numero (1.300). Unica soddisfazione: il funzionario al quale mi sono rivolto definendo idiota la sua collega che aveva scritto il modulo, ha confermato scuotendo la testa e dicendo: allucinante!.

Altra perla. Dovendo richiedere la definizione del grado di invalidità di mia moglie ho scoperto che la domanda all’INPS  per la visita di controllo è un calvario:

Occorre farsi predisporre la documentazione dal medico curante.

Occorre portarla, non ad un qualsiasi CUF ma solo ad un patronato (per capirlo ho perso una mattinata e ne perderò un’altra perché ai patronati pare vi siano file chilometriche, se non avrò dimenticato qualcosa …….)

 

Credevo che l’INPS fosse al servizio dei cittadini. Che ingenuo!

Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: