pensaterosa

12 aprile 2011

Accoglienza

@font-face { font-family: “Cambria”; }p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal { margin: 0cm 0cm 10pt; font-size: 12pt; font-family: “Times New Roman”; }div.Section1 { page: Section1; }

Se si sfruttano fino al midollo i paesi economicamente deboli, approfittando del favorevole rapporto di forza politico ed economico, insieme agli indubbi vantaggi ci si devono aspettare ondate immigratorie inarrestabili.

Per chi avesse dei dubbi consiglio di rispolverarsi la storia di Roma: le legioni romane massacrarono uomini, donne e bambini della prima ondata e poi ….. non ebbero più lo stomaco …… e dopo le ondate degli affamati arrivarono le orde asiatiche che distrussero l’impero!

Occorre passare alla politica dell’incontro, del dare e dell’avere come preconizzava Sengor, se si vuole giungere ad equilibri dinamici di valore positivo: investire in attività produttive capaci di valorizzare le risorse dei paesi più poveri come si sta iniziando a fare in Afganistan, favorire un’immigrazione tecnicamente preparata per qualificarla ulteriormente e riinserirla in attività produttive del paese d’origine ….. dovremmo quindi crearci dei concorrenti e privarci di fonti di materie prime a buon mercato? Proprio così miei cari neocolonialisti disastrosamente falliti! Oppure ….. vedi sopra

Annunci

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: