pensaterosa

15 giugno 2011

Cavoli suoi

Siamo alle solite: l’attività sessuale, vera o presunta del premier, occupa le prime pagine dei giornali!

Queste fughe di notizie dovrebbero comunque essere perseguite ma non ho mai sentito che ciò sia avvenuto: i tribunali sono dei colabrodi?

Forse è un reato andare a troie? Non basterebbero gli stadi di tutta Italia per accogliere un tal tipo di delinquenti!

Un presidente del consiglio dovrebbe essere casto e puro? Formigoni è l’unico a professare per fede e credo tale tipo di comportamento ……… ma siamo certi che sia un bene?

Queste notizie mi rendono simpatico Berlusconi e spero che ciò accada a molti: se così fosse chi non sa fare politica ma solo maldicenza prenderebbe una nuova stangata alle prossime elezioni politiche ……. Mi augurerei che la sinistra si occupasse di più di programmi e di azione politica e che i magistrati fossero più diligenti nel conservare le prove raccolte. L’Italia ha bisogno di competenza e serietà non di antiberlusconismo ad oltranza.

Se Berlusconi viene eletto i Democratici pensano forse che gli Italiani siano cretini? Si guardino allo specchio!

Detto questo mi auguro che la sinistra migliori, magari lo facesse quanto lo ha fatto il leader dell’Italia dei valori, e si presenti in campo armata di idee e di volti nuovi ….. più gradevoli di quelli con i quali si è presentata negli ultimi anni: con presenze qualificate e capaci di dialogare con le persone si può vincere!

Annunci

1 commento

  1. Ero abituato a suggere i pensieri di Maurizione come un poppante si dedica al seno di sua madre.
    Godendo. Senza discutere.
    Sicuro che quel nettare fosse l’Alfa e l’Omega. Tutto quello che c’era da sapere del mondo.

    Credo però che questa volta, i miei ricordi di ragazzo (bambino?) ai quali sono affezzionato quasi come al ricordo froidiano del seno di mia madre, siano forzatamente a malincuore da accantonare per vibrare una composto, educato e deferente grido di dissenso.

    Non credo che nessun uomo liberale dotato di buon senso possa dissentire sul fatto che ogni persona nell’ambito del proprio privato, possa tenere comportamenti, anche licenziosi, senza doverne rispondere ad alcuno purchè restino nei confini definiti della legalità.

    Il problema che si pone parlando del Presidente del Consiglio dei Ministri è lo stesso che si pone affrontanto l’episodio occorso al Past Presidente della Regione Lazio.
    Ed invito a notare che non parlo dei privati cittadini muniti normalmente di nome e cognome, bensi delle impersonali ed indisponibili “personalità” che tali cariche rappresentano esse stesse. In nome e per conto di tutti i cittadini della Repubblica. Mia nonna compresa.

    Purtroppo l’errore di personalizzare il conflitto, di definire l’altro “l’uomo nero”, il puttaniere, il comunista, lo psiconano, il senza cervello ha spostato il piano di argomentazione quasi come se tutto si potesse riassumere in due uniche alternative.
    Buono o cattivo, bello o brutto, giusto o sbaglito; con la pretesa che ogniuno di noi è sempre nella prima categoria e l’altro invece…

    Ma il tema, ancora una volta, non è questo. Riguarda in realtà l’opportunità che il privato cittadino il quale si trovi a ricoprire cariche istituzionali che rappresentano tutti, debba mantenere un comportamento rispettoso del ruolo che scentemente ha assunto e che il ruolo stesso porta con se.
    Onori ed oneri. Piaceri e doveri.

    E’ forse illecito che Bill Clinton intrattenga relazioni con stagiste consenzienti?
    Di cattivo gusto sicuramente, illecito neanche a parlarne. Se la vedrà con Hillary e con il suo confessore se lo riterrà opportuno.
    Ma se lo stesso comportamento si intrattiene all’interno della sala ovale. Se questo lo rende ricattabile al punto che una ragazzina tiene ben custodite le prove del misfatto nel proprio armadio a futura memoria… . Beh, questo titola tutti i cittadini a pretendere ed ottenere le sue scuse.

    E noi? Cittadini Italiani? Divisi tra Milanisti ed Interisti, tra Berlusconiani e Anti-Berlusconiani, tra ricchi e poveri, tra cittadini ed extracomunitari, quand’è che ci svegliamo da questa sbornia da circo romano e torniamo a pretendere che chi viene pagato con le nostre tasse, frutto del sudore della nostra fronte, sia degno di rappresentare questo grande Popolo?
    Quand’è che ci riprenderemo l’oroglio di appartenere ad una comunità, che tra alti e bassi, ha dato per oltre 2500 anni un contributo considerevole alla cultura ed alla ricchezza mondiale?
    Quand’è che inizieremo a pretendere che il nostro Presidente del Consiglio, Presiente della Repubblica, Presidente della Corte d’Assisi, d’Appello, di Cassazione, il Presidente del Senato, della Camera dei Deputati, il messo comunale, il Sindaco, il Prefetto, l’Assessore, il Presidente della Regione, il Sottosegretario alla Protezione civile facciano fino in fondo i NOSTRI interessi?

    Perchè un uomo saggio, colto, che ha ispirato moltissimi cuori come il Ciccio, cede al tifo da stadio e sale sulle gradinate della curva (non importa quale).

    Frega qualcosa a qualcuno che Silvio Berlusconi organizzi e partecipi ad eventi orgiastici nel quale si renda ridicolo agli occhi del mondo e con lui trascini tutti noi?
    Frega a qualcuno che a causa di questo e di altri comportamenti egli sia reso ricattabile e in quanto Presidente del Consiglio dei Ministri sia reso ricattabile anche il suo Governo?
    Importa a nessuno che lui stesso, complice il suo incredibile acume comunicativo, parli del lettone di Putin o del Bunga Bunga durante le visite di Stato?

    Beh, caro Maurizio, a me frega.
    Perchè a me frega soprattutto di questo Paese, che ha bisogno di tutto, tranne che di un Presidente del Consiglio che va a puttane.

    Non so se è una colpa.
    E se mi chiedi qual’è l’alternativa la mia risposta è laconica: Non so.

    Certo non sono disposto ad arrendermi ed ad accontentarmi nel difendere la libertà di un privato cittadino, che ha scelto di prendersi la responsabilità di rappresentarmi e fare anche i miei interessi, di andare a puttane.

    Ora tornerò a cullarmi nel ricordo di quel sognatore che tanto mi ha fatto sognare.

    Peterpan
    (Michele)

    Commento di Peterpan — 15 giugno 2011 @ 15:40


RSS feed for comments on this post.

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: